RITORNA ALLA HOMEPAGE
FONDATO DAL PROF. VITO RUBINO IL 12 LUGLIO 1896
PREMIATO NELLE ESPOSIZIONI DI ROMA, PALERMO, PARIGI, MARSALA
SETTIMANALE DI ATTUALITA' POLITICA, CULTURA, AGRICOLTURA, COOPERAZIONE, TURISMO, SPORT
ANNO 123 - NUMERO 3                                                                  MARSALA, 19 Febbraio 2020



Per leggere il giornale on line clicca su questo collegamento.





ENTRA nell'area download dove troverai oltre al Giornale l'Acrobat Reader v.5.





www.ilvomere.it







www.siciliaservizi.it











  
  (Segue...)





CORONAVIRUS, RESTIAMO A CASA

MOLTI ITALIANI CONTINUANO A COMPORTARSI COME SE NON ACCADESSE NULLA: LA MOVIDA RESISTE ALLA GRANDE ANCHE QUI A MARSALA. NESSUN RISPETTO DELLE REGOLE DA SEGUIRE PER IL BENE DI TUTTI. OCCORRE DIFENDERCI, TUTTI, SEGUENDO ANCHE I PIÙ BANALI PRINCIPI DI BUON SENSO


Il Coronavirus esiste ed è una botta per tutti. E’ un nemico invisibile che sta cambiando le nostre vite. E’ un virus nuovo di cui non si conosce nulla.  Si sa solo che si diffonde con grande velocità: ha già contagiato oltre 100 paesi. L’Italia risulta la seconda per numero di morti. Mentre andiamo in stampa, sono stati contagiati oltre 8000 persone, 366 decessi, 4000 positivi. Sono 16 milioni gli italiani in quarantena. Il coronavirus ha contagiato tutta l'Europa. Purtroppo non è stato ancora scoperto il vaccino (e ciò chiederà tempo) né si conoscono terapie, trattamenti specifici a causa della mutazione genetica che l’ha reso molto pericoloso e per questo rischia di mandare in tilt un intero sistema sanitario ed economico. La vera emergenza è che il virus infettando un gran numero di persone (i più gravi necessitano di reparti di terapia intensiva utilissimi anche per altri pazienti con altre gravi patologie) gli ospedali vanno in collasso. Purtroppo dagli anni 80 la capacità negli ospedali per le patologie è stata tagliata dei due terzi.
Dalla Lombardia dove i contagi sono in costante aumento dal Veneto, da Reggio Emilia definite zone rosse per i focolai del virus c’è una fuga di persone verso il sud. Una situazione preoccupante.
I pazienti più fragili sono gli anziani che non sono un numero, ma persone. In terapia intensiva anche i ragazzi con meno di 30 anni. Lo ha detto preoccupato il dottor Massimo Gallo, infettivologo dell’Ospedale Rocco di Milano.
In Sicilia i dati di oggi 10 marzo sono: tamponi eseguiti 836, negativi 771, trasmessi 54 pazienti ricoverati 19. Confermati 16. In isolamento 35. In un solo giorno un caso in più.
Noi non siamo virologi, siamo giornalisti che abbiamo il delicato compito di riferire la verità dei fatti. In questo momento di grande emergenza per evitare il peggio l’unico vaccino è la responsabilità. Se vogliamo uscire fuori da questo incubo dobbiamo collaborare tutti con spirito di sacrificio. Le regole da seguire in fondo sono regole di civile convivenza. Bisogna essere disposti a qualunque sacrificio. Restiamo a casa, usciamo solo per necessità. Evitiamo i contatti. C’è di mezzo la tenuta dei servizi di emergenza anticovid 19.




   Rosa Rubino
  (Segue...)





IL SONDAGGIO
Ti piace la tua città ?
Molto
Si mi piace
Abbastanza
Cosi e cosi
No
Scapperei via
Guarda i risultati


Email info@ilvomere.it
CENTRO STAMPA RUBINO
L'arte nella stampa
Marsala - Via Trapani, 123 - Tel/Fax 0923.736272
ilvomere.it - Tutti i diritti riservati - Powered by SICILIASERVIZI.IT   email : i.internetservice@tin.it  webmaster G. G.