RITORNA ALLA HOMEPAGE
FONDATO DAL PROF. VITO RUBINO IL 12 LUGLIO 1896
PREMIATO NELLE ESPOSIZIONI DI ROMA, PALERMO, PARIGI, MARSALA
SETTIMANALE DI ATTUALITA' POLITICA, CULTURA, AGRICOLTURA, COOPERAZIONE, TURISMO, SPORT
ANNO 121 - NUMERO 17                                                                  MARSALA, 18 NOVEMBRE 2017



Per leggere il giornale on line clicca su questo collegamento.





ENTRA nell'area download dove troverai oltre al Giornale l'Acrobat Reader v.5.





www.ilvomere.it







www.siciliaservizi.it

Marsala porta a casa due Deputati di maggioranza


E con ottimi piazzamenti in termini di preferenze: l’On.le Avv. Stefano Pellegrino (Forza Italia, con ben 7.640 voti) ed Eleonora Lo Curto (UDC, 2.178).
Importantissimo risultato anche per il rappresentante del Movimento 5 Stelle Stefano Rallo, che totalizza 4.795 preferenze. Numeri che ci fanno ben sperare in una rinnovata importanza di questa nostra città sul panorama provinciale.
E se l’elettorato ha deciso, questa volta, di appoggiare candidati nostrani, in totale controtendenza si pongono i trenta consiglieri comunali di Palazzo VII Aprile. I quali, mettendo da parte Giusy Piccione (in appoggio all’Avv. Paolo Ruggieri per #diventeràbellissima) e l’Avv. Vito Cimiotta (a sostegno di Stefano Pellegrino), hanno fatto campagna elettorale dividendosi tra Gucciardi (Salemi), Ruggirello (Trapani), Silvia Calvanico (Mazara del Vallo), Tranchida (Valderice) e Turano (Alcamo). Compresi Sindaco e Giunta. Parola d’Ordine: esterofilia. Sentimento – questo – che si spiega solo in due modi: 1) i nostri consiglieri presumono che Marsala non sia in grado di esprimere soggetti di spessore; 2) i dirigenti delle sezioni locali dei partiti non sono nemmeno in grado di coinvolgere presentabili nelle liste, ripiegando su riempitivi locali. Quale che sia l’alternativa giusta, si tratta comunque di un atteggiamento ascaro che mortifica la città.
E del fatto che le strutture partitiche locali, quando non remano contro il candidato autoctono, quanto meno ostentano negligenza, se ne ritrova conferma tra le righe degli interventi di Stefano Pellegrino, che ci tiene a sottolineare come i suoi voti siano estranei alle logiche di partito. Tutti suoi, insomma, e del resto il voto disgiunto (Pellegrino all’ASR/Cancelleri alla Presidenza) depone proprio in questo senso.
Gli auspici, a questo punto, sono i migliori. Nella Sala d’Ercole sono due i deputati che si sono sobbarcati l’onere di tutelare gli interessi marsalesi. Sono altissime le aspettative che l’elettorato marsalese ha riposto su Stefano Pellegrino e Eleonora Lo Curto. Il fatto, poi, che entrambi siano di maggioranza significa solo una cosa: non ci saranno scuse per le delusioni, qualora ce ne fossero.

Riccardo Rubino
ilvomere.it - Tutti i diritti riservati - Powered by SICILIASERVIZI.IT   email : i.internetservice@tin.it  webmaster G. G.