La leggenda di Colapesce. Tra le storie di Sicilia è la più conosciuta perchè la più affascinante ed intensa

La leggenda di Colapesce. Tra le storie di Sicilia è la più conosciuta perchè la più affascinante ed intensa


Si racconta che nella zona del messinese viveva un
ragazzo di nome Cola (probabilmente diminuitivo di
Nicola), soprannominato Colapesce per la sua


straordinaria capacità di immersione e per il suo amore
smisurato per il mare. Cola faceva parte di una numerosa
famiglia di pescatori e passava le sue giornate in acqua,
più per gioco che per pescare e per questo veniva
schernito. Rimaneva lontano per giorni da casa ed al suo
rientro, raccontava ai familiari i posti meravigliosi che
aveva visto negli abissi e le specie animali che li
abitavano. Alcune versioni del racconto lo collocano al
tempo di Guglielmo II, re di Sicilia, altre al tempo in cui
Ruggero II governava la Sicilia, altre al tempo di re
Federico II. Questa versione racconta che un giorno, il
Re Federico II, incuriosito dalle numerosi voci che
correvano si Colapesce , decise di conoscere questo
ragazzo-pesce e di verificarne le tanto decantate capacità e
per questo si recò a Messina .

Una volta che l’ebbe
incontrato, ancorate le barche nelle acque dello stretto, il
monarca volle mettere alla prova Cola e gettò un coppa
d’oro in mare. Il ragazzo si tuffò e recuperò facilmente il
prezioso oggetto che gli venne offerto in dono. Federico,
non soddisfatto, decise di sottoporlo ad un’ulteriore prova
e lanciò la propria corona in una parte dove il mare era
profondissimo. Colapesce si tuffò e tornò a galla dopo
qualche giorno, portava tra le sue mani la corona del re .
Al Re, che gli chiese la causa del ritardo , Colapesce
raccontò che aveva scoperto tre colonne che sorreggevano
la Sicilia; ma una , quella posizionata tra Catania e
Messina, portava segni profondi di danneggiamento a
causa di un fuoco potente che la stava consumando.
Il Re, incredulo nel sentire queste assurde storie, decise di
continuare a mettere alla prova il giovane e preso un
anello dalla mano di una graziosa fanciulla che si trovava
accanto a lui, lo lanciò in acqua. Colapesce, inizialmente,
rifiutò di scendere negli abissi per paura di quel potente

fuoco che aveva visto , ma lo sguardo disperato della
povera ragazza e le accuse di codardia da parte del re , lo
spinsero a tornare in acqua . Pur sapendo di rischiare la
vita, scese in mare, ma portò con sé un sacchetto di
lenticchie e un pezzo di tronco di fèrula e disse al re che,
se avessero visto entrambi gli oggetti affiorare dall’acqua
senza di lui, allora voleva dire che non l’avrebbero più
rivisto, che egli non sarebbe più risalito a galla. Passarono
tanti giorni e, quando ormai le speranze andavano
affievolendosi, il sacchetto ricomparve in superficie
insieme con la fèrula ardente di quel potente fuoco. Di
Colapesce invece non si seppe più nulla.
C’è chi dice che sia rimasto negli abissi a sorreggere la
colonna danneggiata, per impedire alla Sicilia d’affondare.
Questa affascinante leggenda racchiude un specifica
simbologia; oltre a dimostrare il profondo legame che
unisce i siciliani con il proprio mare, i tre oggetti lanciati
dal Re hanno un significato simbolico : la coppa d’oro,
infatti, rappresenta la ricchezza, la corona il potere e
l’anello l’amore. E proprio per quest’ultimo Colapesce
sacrifica se stesso. Egli ama la sua terra e non vuole che
perisca o venga danneggiata . Il forte sentimento che egli
prova per la sua terra lo spinge al sacrificio estremo.
Colapesce rimase in mare nel mezzo di quel fuoco a
sorreggere (come tutt’ora fa!) quella colonna mal
combinata, perché la sua terra tanto amata non crolli e,
se ogni tanto la terra tra Messina e Catania trema un po’, è
solamente perché Colapesce , quando è stanco di
sorreggere con una spalla la Sicilia,cambia spalla ed è
allora che l’Isola trema e si verificano i terremoti.
La leggenda di Colapesce viene così raccontata dai
Siciliani e in particolare dai Messinesi :
Cola Pisci era un farotu, ca sapia natari megghiu d’un
pisci, basta diri ca java di Missina a Catania e di Catania
a Missina, sempri sutt’acqua. ‘Na vota vinni lu Re ccà a
Missina, e sintíu diri ch’avianu a Missina st’omu
maravigghiusu, ch’era lu primu nataturi. Sintennu
accussì, lu vosi vìdiri. Cola fu chiamatu e si prisintau a
lu Re. – Dimmi: è veru (cci dici lu Re) ca tu sai ben
natari?- Maistà, sì! Allura lu Re cci jittau ‘na spada a
mari, e Cola si calau e l’annau a pigghiiari.Vidennu

chistu, la Riggina cci jittau ‘n aneddu, non cci cridennu
chi Cola Pisci lu putía pigghiar; e Cola Pisci lu pigghiau.

  • Allura m’hai a sapiri a diri chi cosa cc’est sutta lu pedi
    d’ ‘u Sarvaturi (Forte del SS Salvatore della Lanterna di
    Messina) – cci dici lu Re.Cola si jetta a mari, osserva e
    torna:- Sapiti chi cc’è, Maistà ? Cc’ est ‘na caverna, chi
    porta un gran’ focu. Lu Re non ristau sudisfattu di sta
    cosa; dici :- Nenti: non mi sapisti diri nenti. Ora si cc’è
    ssa caverna e tu mi sai purtari la cìnniri di ssu focu, io ti
    fazzu un bonu cumprimentu. Scinníu arreri Cola, arrivau
    ddassutta, si bruciau la mani e si nni ‘nchianau. – Eccu,
    Maistà! – e cci prisintau la mani bruciata.Risposta di lu
    Re:- Non su’ cuntentu ancora. Tu ha’ a tràsiri jintra di
    la caverna; e m’ hai a diri unni corrispunni stu focu.-
    Riali Maistà – cci dissi Cola – si io scinnu, no ‘nchianu
    cchiù supra: nni su’ sicuru. (A Cola Pisci mi cci
    parrava lu cori). Lu Re pi fallu pigghiari di puntu, cci
    dissi ca un omu valenti non havi mai paura di nuddu.
    Uliti accussì? io lu fazzu; ma io cci perdu la vita. Mi si
    pigghia na ferra:- Si sta ferra – dici – ‘nchiana bruciata,
    ‘oli diri sugnu mortu; si non è bruciata, sugnu vivu.
    Scinníu e trasíu, cu sta ferra ‘nta la mani, jintra sta
    caverna. ‘A ferra si bruciau e vinni ‘n summa. Cola Pisci
    arristau bruciato e non ‘nuchianau cchiù. Lu Re fici
    chistu pi vidiri si era veru chi la caverna currispunnía cu
    suttaterra, ed era unu di li sustegni di la Sicilia.
    (Raccontata a Messina da Sara Barbiera
    riportata da Giuseppe Pitrè
    in Fiabe e leggende popolari siciliane)
    Il canto popolare invece racconta così l’episodio :
    <<La genti lu chiamava Colapisci
    pirchì stava ‘nto mari comu ‘npisci
    dunni vinia non lu sapia nissunu
    fors’ era figghiu di lu Diu Nittunu.

‘Ngnornu a Cola u re fici chiamari
e Cola di lu mari curri e veni.

O Cola lu me regnu a scandagghiari
supra cchi pidamentu si susteni

Colapisci curri e và.
Vaiu e tornu maestà.

Cussì si jetta a mari Colapisci
e sutta l’unni subitu sparisci
ma dopu ‘npocu, chistà novità
a lu rignanti Colapisci dà.

Maestà li terri vostri
stannu supra a tri pilastri
e lu fattu assai trimennu,
unu già si stà rumpennu.

O destinu miu infelici
chi sventura mi predici.

Chianci u re, com’haiu a fari
sulu tu mi poi sarvari.

Su passati tanti jorna
Colapisci non ritorna
e l’aspettunu a marina
lu rignanti e la rigina.

Poi si senti la sò vuci
di lu mari ‘nsuperfici.

Maestà! ccà sugnu, ccà
Maestà ccà sugnu ccà.
‘nta lu funnu di lu mari
ca non pozzu cchiù turnari
vui priati la Madonna
ca riggissi stà culonna
ca sinnò si spezzerà
e la Sicilia sparirà.

Su passati tanti anni
Colapisci è sempri ddà
Maestà! Maestà!
Colapisci è sempri ddà>>
Francesca La Grutta