Categoria: Cultura

Home Cultura
Quando si dice: “Fari scupa d’Avustu”
Articolo

Quando si dice: “Fari scupa d’Avustu”

C’è un modo di dire siciliano che recita : “Fari scupad’Avustu” . Con questa locuzione i Siciliani intendonodire che tutto è stato dissipato, per esempio di un interopatrimonio o che ci si è sbarazzati di ogni cosa nonnecessaria, ingombrante o non più adoperata da tantotempo. Tentiamo però di dare una spiegazione del perchési ricorre ad...

Lo sguardo delle scienze sociali sull’emergenza covid. Esce “Antivirus”, il nuovo saggio di Mario Morcellini dedicato ai cambiamenti della società dopo la pandemia
Articolo

Lo sguardo delle scienze sociali sull’emergenza covid. Esce “Antivirus”, il nuovo saggio di Mario Morcellini dedicato ai cambiamenti della società dopo la pandemia

Un’esplorazione profonda della fase Covid, posta in controluce rispetto a quella ‘pre’ e ‘post-Covid’, condotta con uno sguardo trasversale e pluridisciplinare seguendo il filo di un’inderogabile ‘phronesis’, da parte di chi conosceperfettamente il corpo sociale nella sua fisiologia, ma anche nelle sue inevitabili alterazioni emergenziali e patologiche: è ‘Antivirus’ (Castelvecchi Editore), il saggio più recente...

C’è gnocco e gnocco…e poi c’è…u gnoccolo cavatu marsalisi!
Articolo

C’è gnocco e gnocco…e poi c’è…u gnoccolo cavatu marsalisi!

Un tipico primo piatto marsalese è costituito dagli“gnoccoli cavati”che si realizzano rigorosamente a manocon farina di grano duro, sale e acqua. Per chi non èoriginario di Marsala, o non è mai stato a Marsala, “ ugnoccolo cavatu” è un vero enigma . I gnoccoli , per noi marsalesi, sono un tipo di pasta fresca fatta...

Giuseppe Pitrè e la rondinella nelle tradizioni popolari
Articolo

Giuseppe Pitrè e la rondinella nelle tradizioni popolari

Pochi giorni prima di morire Giuseppe Pitrè indirizzò alla nipote Giuseppina D’Alia Pitrè, figlia di sua figlia Maria, una lettera inserita poi nell’Opera Omnia di cui fa parte “La rondinella nelle Tradizioni popolari” . In questo libretto Pitrè scriveva : “Da Palermo a Torino, a Venezia, in tutta Italia, corre un canto con cui un...

Donninanuru e la vanità
Articolo

Donninanuru e la vanità

Da bambina spesso sentivo utilizzare la parola Donninnaruriferita ad una persona , quasi sempre, di sesso maschile,ma non capivo se fosse un nome proprio o se fosse unsoprannome. Finalmente ad un certo punto della mia vita,dopo aver letto alcune favole morali di Giovanni Meli, miritrovai a leggere questa , dal titolo La Cucucciuta e luPispisuni:“Mi...

Presentato ieri in anteprima a Mozia, nel cuore della Laguna di Marsala, il nuovo libro di Lorenzo Nigro:”I geni di Mozia” edito dal Vomere
Articolo

Presentato ieri in anteprima a Mozia, nel cuore della Laguna di Marsala, il nuovo libro di Lorenzo Nigro:”I geni di Mozia” edito dal Vomere

Dopo “Gerico: la rivoluzione della preistoria”, il primo romanzo di Lorenzo Nigro, pubblicato dalla Casa Editrice ‘Il Vomere’, forte di uno straordinario successo editoriale, è stato presentato ieri in anteprima a Mozia, il secondo volumedella collana ‘Scavare è il mio peccato’:‘I genî di Mozia’. Interamente dedicato all’antichissima isola posta nel cuore della Laguna dello Stagnone,...

Lirio Abbate presenta il suo libro:”U siccu” questa sera alle ore 21 a Segesta. “Racconto Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa Nostra, l’ultimo capo dei capi, un sanguinario violento, un imprenditore invisibile”
Articolo

Lirio Abbate presenta il suo libro:”U siccu” questa sera alle ore 21 a Segesta. “Racconto Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa Nostra, l’ultimo capo dei capi, un sanguinario violento, un imprenditore invisibile”

Appuntamento da non perdere. Oggi alle 21,00 verrà infatti presentato “U Siccu”, l’ultimo libro del vice-direttore dell’Espresso e giornalista di Repubblica Lirio Abbate, edito da Rizzoli sulla figura del boss castelvetranese, latitante da 27 anni. Lirio Abbate, giornalista e scrittore, racconta Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa Nostra ricercato dal 1993. Lo fa nel...

“Mi sentu pigghiatu di li turchi!” ,”E chi parla turcu!”,”Fumari comu un turcu”. I Turchi nei modi di dire siciliani. Tutto ciò che proviene dall’Oriente altro non è, per i siciliani, se non turco! Per i pirati turchi il loro bottino più ambito era la giovane donna siciliana perla preziosa degli harem d’Oriente
Articolo

“Mi sentu pigghiatu di li turchi!” ,”E chi parla turcu!”,”Fumari comu un turcu”. I Turchi nei modi di dire siciliani. Tutto ciò che proviene dall’Oriente altro non è, per i siciliani, se non turco! Per i pirati turchi il loro bottino più ambito era la giovane donna siciliana perla preziosa degli harem d’Oriente

Il ricordo delle dominazioni che si sono succedute inSicilia in alcuni nostri modi di direIl dominio bizantino della Sicilia durò dal 535 fino allaconquista islamica della Sicilia, avvenuta nell’827 con losbarco a Mazara , anche se già gli Arabi erano sbarcati aMarsala e, nell’812, a Lampedusa . Tutto ciò che provienedall’Oriente altro non è ,...

Noi di una certa età (nati quando la matita si chiamava lapis) non facevamo l’orecchietta alla pagina del libro che stavamo leggendo…ma..il segnalibro
Articolo

Noi di una certa età (nati quando la matita si chiamava lapis) non facevamo l’orecchietta alla pagina del libro che stavamo leggendo…ma..il segnalibro

Il segnalibro nacque intorno al 1584, quando lostampatore Christopher Barker presentò alla reginaElisabetta I d’Inghilterra un libro in cui aveva cucitoall’interno un nastro di seta. In realtà il segnalibro risultaperò in uso già molto prima della nascita della stampa, findai secoli XIV e XV e alcuni quadri di questo periodo ciforniscono informazioni circa l’esistenza di...

Teatro di Erice, la Regione finanzia i lavori di ristrutturazione e riqualificazione
Articolo

Teatro di Erice, la Regione finanzia i lavori di ristrutturazione e riqualificazione

La Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana – ha riconosciuto ufficialmente il finanziamento per la ristrutturazione, qualificazione e innovazione tecnologica del Teatro Gebel Hamed per importo complessivo di € 226.551,61, a seguito del progetto presentato a suo tempo dall’amministrazione comunale di Erice. È arrivato infatti il decreto di finanziamento.La richiesta di...